header-01-image-brands-stylight-fashion-recap-2020-01
header-02-image-brands-stylight-fashion-recap-2020-02

Brand emergenti 2020, il ritorno della moda “to order” ed i marchi preferiti dalla Gen Z

 

Download PDF

01-brands-stylight-fashion-recap-2020

BRAND EMERGENTI

 

1/4

APPARIS

Il brand emergente in cima alla nostra lista non poteva essere altro che un marchio di pellicce sintetiche ed ecopelle. Fondato dal duo francese composto da Amélie Brick e Lauren Nouchi, Apparis ha iniziato la sua ascesa nel mondo della moda grazie ad un iconico cappotto di pelliccia sintetica venduto nella propria boutique di Brooklyn. Oggi i suoi capispalla sono un vero e proprio must-have per tutte le ragazze di New York e non solo. Su Stylight i clic per questo brand sono aumentati di ben oltre il 1000% nel corso di quest’anno.

01-upcoming-brands-stylight-fashion-recap-2020

2/4

PETER DO

Genio dei social network, Peter Do ha lanciato il suo brand nel 2018 proprio grazie all’utilizzo di Instagram. Il suo marchio offre creazioni all’avanguardia e di tendenza, che vanno dai blazer ultra eleganti ai combat boots. Su Stylight, abbiamo visto un incremento dei clic del 155% rispetto al 2019.

3/4

MATTEAU

Fondato dalle sorelle Ilona Hamer e Peta Heinsen, Matteau è un marchio di beachwear pulito e minimalista. Ogni pezzo è di qualità e in linea con le tendenze del momento. Su Stylight, il numero di clic per Matteau è aumentato del 41% rispetto all’anno precedente.

02-upcoming-brands-stylight-fashion-recap-2020

4/4

COPERNI

Se parliamo di brand emergenti, Coperni non poteva di certo mancare! Con le sue borse must-have che hanno messo d’accordo molte fashioniste avvistate durante l’ultima fashion week, il marchio parigino di prêt-à-porter e accessori è uno dei più amati del momento. Non ha caso, celebrity del calibro di Dua Lipa e Maisie Williams sono grandi fan della sua Swipe bag. Su Stylight, il numero di clic per Coperni è aumentato del 131% nel 2020.

BRAND GUIDATI DA PERSONE DI COLORE

Grazie all’ondata di proteste a seguito del movimento Black Lives Matter di quest’anno, la moda ed i media hanno iniziato a dare maggiore riconoscimento e spazio ai brand che vedono alla loro direzione persone di colore. Su Stylight questo si è tradotto in un incremento d’interesse da parte degli utenti per alcuni di questi meravigliosi marchi che abbiamo deciso di analizzare da più vicino.

01-poc-brands-stylight-fashion-recap-2020

1/4

Brother Vellies

Aurora James, direttore creativo e fondatrice del brand Brother Vellies, ha iniziato a disegnare scarpe e borse con l’obiettivo di mantenere vivo l’artigianato tradizionale africano. A giugno, James ha lanciato il 15 Percent Pledge, nel quale ha chiesto ai grandi retailers di lasciare il 15% dello spazio nei propri negozi ad aziende e prodotti che vedono alla direzione persone di colore. Su Stylight i clic su questo brand sono aumentati del 282% rispetto all’anno precedente.

03-poc-brands-stylight-fashion-recap-2020

2/4

Stella Jean

Stella Jean è una designer italo-haitiana, i cui colorati e bellissimi pezzi sono stati indossati da personaggi come Rihanna e Beyoncé. È l’unico membro della Camera della Moda Italiana di origine afro-europea e la sua estetica riflette il suo multiculturalismo, fondendo il classico rigore sartoriale italiano con i riferimenti artigianali al suo background creolo. I clic per il marchio sono aumentati del 132% nel 2020.

02-poc-brands-stylight-fashion-recap-2020

3/4

Wales Bonner

Abbiamo visto i clic per Wales Bonner aumentare del 1633% quando Meghan Markle, durante la sua prima apparizione con baby Archie, ha indossato il trench bianco del marchio. Fondato dall’ex studentessa della Central Saint Martins School di Londra, Grace Wales Bonner, questo brand britannico ha suscitando fin da subito un grande interesse: nel 2019 ha vinto il BFC/Vogue Designer Fashion Fund e più recentemente ha collaborato con la designer Maria Grazia Chiuri per la collezione Cruise 2020 di Dior. Su Stylight i clic sono incrementati del 117% rispetto al 2019.

04-poc-brands-stylight-fashion-recap-2020

4/4

Telfar

Telfar è diventato un marchio iconico grazie alla sua it-bag diventata un vero must-have per tutte le fashion victim del mondo. Il brand è stato fondato da Telfar Clemens, che propone un’estetica unisex e guida il proprio marchio sotto una mission che rende chiara l’idea di voler creare una moda inclusiva e per tutti  “[aren’t] for you – [they’re] for everyone“. Su Stylight i clic sui prodotti Telfar sono aumentati del 49% nel 2020.

FASHION TO ORDER

Il concetto del “made to order” non è di certo una novità. Fino alla metà e verso la fine del XX secolo non era poi così insolito farsi confezionare abiti e capi d’abbigliamento fatti su misura, ma l’arrivo del fast fashion ha decisamente comportato un netto cambiamento nel rapporto che oggi abbiamo con lo shopping e nel modo in cui gli abiti vengono confezionati. Il valore attribuito ad un capo d’abbigliamento in base alla sua longevità o qualità, è stato spesso sostituito da un desiderio di basso costo e quantità, portando a quella che oggi è una delle più grandi sfide del mondo della moda: combattere una produzione a basso costo indice di cattiva qualità, poca etica e poca sostenibilità. In risposta a questa esigenza sono nati alcuni brand che hanno ripreso questo principio del “made to order” per creare una moda più etica e sostenibile, che non rinuncia alla qualità dei materiali.

01-fashion-on-order-stylight-fashion-recap-2020

1/4

MaisonCléo

87,9k follower

Maison Cléo è uno dei made to order fashion brand che hanno trovato la loro popolarità su Instagram. Nel 2016 Marie, VIP Manager del famoso luxury reseller Vestiaire Collective, e sua mamma hanno creato un marchio che si basa sulla fashion transparency: per produrre i propri capi utilizzano deadstock dei brand del “haute couture”, mantenendo così la qualità dei materiali alta ma limitando lo spreco. Anche i loro prezzi seguono alla lettera il principio della trasparenza, dichiarando esattamente per ogni capo quanto sia la spesa sostenuta partendo dal recupero del materiale alla produzione ed il rincaro per il lavoro svolto dalla designer. Questo brand è anche molto amato da it-girls come Emily Ratajkowski e Camille Charriere.

02-fashion-on-order-stylight-fashion-recap-2020

2/4

By Megan Crosby

32,4k follower

Il brand di Megan Crosby è stato lanciato nel 2019 ed ha subito attirato l’attenzione delle nuove generazioni non solo grazie ai suoi valori di trasparenza, etica e sostenibilità ma anche per la sua estetica “arcobaleno” e piena di fragole che comunica immediatamente positività e che sta spopolando tra la Gen Z. A differenza di Maison Cléo, by Megan Crosby ordina i materiali ex novo una volta ricevuto l’ordine e si posizione con una fascia di prezzo leggermente inferiore arrivando ad un massimo di 150 pound per capo.

03-fashion-on-order-stylight-fashion-recap-2020

3/4

Olivia Rose The Label

48,1k follower

Questo brand britannico viene lanciato nel 2017 da Olivia Rose che fino ad oggi crea e produce tutti i suoi capi da sola. La designer oltre a mantenere elevata la qualità dei materiali scelti, dà la possibilità alle proprie clienti di fare richieste su misura, rendendo così l’inclusività e l’esaltazione del corpo femminile uno dei suoi capisaldi.

04-fashion-on-order-stylight-fashion-recap-2020

4/4

Azi Land

8,8k follower

Se siete amanti del cottagecore questo è il brand che fa al vostro caso. Azi Land è un marchio dalle linee pulite che s’ispira alle culture dell’antica via della seta ed impiega una dettagliata e curata selezione dei tessuti. Come altri brand “to order”, Azi crea un numero iniziale molto limitato di articoli da poter acquistare direttamente sul proprio e-commerce e che al proprio esaurimento possono essere riordinati e prodotti in base alla richiesta ricevuta.

BRAND GEN Z 

Mai come quest’anno la Gen Z è stata al centro dell’attenzione pubblica: sempre più spesso i brand si trovano ad affrontare il dilemma di come comunicare e attirare l’attenzione di una fetta di popolazione non solo molto giovane, ma che è anche cresciuta con un accesso illimitato alla tecnologia e che si approccia ed evolve in maniera quasi parallela con le nuove social media App. Per questo motivo abbiamo ritenuto fosse importante andare a vedere quali sono alcuni dei brand che sono nati con l’intento di attirare l’attenzione e rispecchiare l’estetica di della Gen Z. Sostenibilità, coscienza etica e funzionalità sono solo alcune delle prerogative necessarie per diventare un must-have brand per questa generazione.

01-gen-z-stylight-fashion-recap-2020-01

1/4

Kirin

La DJ sudcoreana Peggy Gou ha ormai raggiunto uno status quasi di culto all’interno del panorama della musica techno ed oltre ad essere ambassador per alcuni dei più importanti brand di lusso come Louis Vuitton, nel 2019 ha deciso di lanciare il proprio brand di moda Kirin (sudcoreano per giraffa, il suo spirito animale). Le sue collezioni sono audaci, vivaci ed eclettiche proprio come la sua musica. Tra i suoi fan ci sono i rinomati stilisti Virgil Abloh e Selby Drummond. Su Stylight i clic su questo brand sono aumentati di ben oltre il 1000% rispetto all’anno scorso.

02-gen-z-stylight-fashion-recap-2020

2/4

OMighty

Tagli sexy, stampe animalier e un’atmosfera anni ’90 – questo è il design che contraddistingue il marchio di moda OMighty.  Sul proprio profilo Instagram il brand mantiene la propria linea colorata e un po’ trasgressiva e mescola immagini still life con sfondi geometrici a repost di giovani ragazzi e ragazze. Non sorprende quindi che la Gen Z sia una grande amante del marchio, che su Stylight ha visto un aumento dei clic di ben oltre il 1000% rispetto al 2019.

3/4

SOLID & STRIPED

Il marchio Solid & Striped è stato fondato già nel 2012 da Isaac Ross ed ha raggiunto la propria fama principalmente grazie ai suoi costumi da bagno eleganti e senza tempo. Ma il brand offre anche una vasta gamma di prodotti dalle stampe audaci e di tendenza, attirando così l’interesse delle giovani generazioni. Rispetto allo scorso anno, l’interesse per Solid & Striped è aumentato del 112%.

03-gen-z-stylight-fashion-recap-2020

4/4

Lisa says Gah!

Lisa Bühler, che per 3 anni ha lavorato per il brand Nasty Gal, ha fondato il proprio e-commerce Lisa Says Gah! 6 anni fa, nel quale propone esclusivamente brand che vedono alla loro conduzione designer donne, ed anche un proprio marchio che è in fretta diventato un vero must-have per molte it-girls.

04-gen-z-stylight-fashion-recap-2020-01

ABOUT THIS REPORT

La nostra analisi viene eseguita sui dati interni Stylight dei nostri 12 milioni di utenti mensili nei 16 mercati in cui siamo presenti. L’intervallo di tempo selezionato va dal 01.01.20 al 30.09.20 e, per lo stesso periodo, si confronta con il 2019. Ogni volta che l’intervallo di tempo selezionato può fare riferimento a un altro intervallo di tempo, o ogni volta che i dati possono appartenere a una fonte esterna, sono stati debitamente referenziati nel corpo del testo del report.

 

teaser-stylight-fashion-recap-want-to-find-out-more-1

DOWNLOAD PDF






Scritto da:

Emma Spadolini

email hidden; JavaScript is required

Rimani sempre aggiornato

Ricevi per primo il nostro prossimo report:

Iscriviti alla newsletter

Stylight Logo

Stylight è la più grande piattaforma di ricerca di moda, beauty e design al mondo. Grazie alla presenza di ben oltre 1.300 negozi partner, Stylight aiuta i propri utenti a trovare ciò che stanno cercando, mettendo a confronto i prezzi di oltre 27 milioni di prodotti.

Acquista gli ultimi trend su Stylight